Per info o per prenotare un colloquio:  3480365381

Sono disponibile anche per percorsi di sostegno psicologico a distanza, attraverso Skype .

Ansia e Panico

L'ansia è uno stato di attivazione fisiologico dell'organismo funzionale all'affrontare un pericolo, o una sfida, attesi nel futuro.

Diventa patologica o disfunzionale quando questa attivazione persiste nel tempo e anziché sostenerci ad affrontare la sfida, ci inibisce o influisce creando disagio in modo pervasivo nella nostra vita quotidiana.

 

L'ansia patologica spesso non si riferisce ad un pericolo specifico e può sembrare immotivata.

 

Questo accade perché il pericolo non è, o non è più oggi, nel mondo esterno, ma è un pericolo interno, di cui abbiamo smarrito la consapevolezza. Può trattarsi del ricordo di un'esperienza traumatica, o molto frequentemente della possibilità di sentire fino in fondo le nostre emozioni, o alcune  nostre emozioni.

 

Nell'attacco di panico lo stato di ansia  e di attivazione dell'organismo in pochi minuti raggiunge un'apice e si sfoga in modo incontrollato lasciandoci atterriti e confusi.

Apparentemente senza motivo (il pericolo interno a anche esterno non è processato a livello cosciente)  siamo sovrastati da un'intensa emozione di paura accompagnata da sintomi fisici molto intensi (per esempio tachicardia, affanno, sudorazione diffusa, tremori) e pensieri catastrofici (per esempio timore di morire o di impazzire).

Sintomi

L'ansia, come la paura, è connessa all'attivazione del Sistema Nervoso Autonomo, in particolare del Sistema Simpatico.

I sintomi fisici quindi possono essere molto vari e riferirsi quindi a molte delle funzioni fisiche autonome, che non dipendono dal controllo cosciente della nostra volontà: respiro, battito del cuore, digestione, diarrea o stitichezza, sudorazione, tremori, insonnia, disagi nella sessualità, ma anche tensioni muscolari per esempio dolori alla schiena, collo, spalle o mal di testa.

I sintomi psicologici possono comprendere:

paura, nervosismo e agitazione, timore di morire o di impazzire, confusione mentale, derealizzazione e depersonalizzazione, vuoto mentale, intensa sensazione di essere osservati, paura della paura, pensieri negativi, catastrofici, incubi.

Connessa all'ansia può anche essere la bassa autostima, la difficoltà a separarsi da luoghi o persone familiari e calo dell'umore fino alla depressione.

Ci sono poi dei comportamenti che si associanoper esempio la tendenza ad evitare le situazioni ritenute potenzialmente ansiogene.

L'ansia inoltre si può esprimere anche attraverso fobie, cioè la paura intensa e l'evitamento di specifici oggetti o situazioni (per esempio gli spazi aperti o chiusi, come nell'agorafobia e nella claustrofobia, o i rapporti sociali, come nella fobia sociale), o attraverso ossessioni (pensieri ricorrenti e intrusivi) o compulsioni (comportamenti e rituali ritenuti inevitabili).

Perché a me?

Ansia e attacchi di panico spesso irrompono nella vita di una persona, cambiandola radicalmente e apparentemente senza motivo. Sopratutto quando prevalgono i sintomi fisici, a volte siamo in difficoltà a credere che ciò che stiamo provando è un disagio psicologico e non un problema organico, una malattia. Quando scopriamo che il nostro corpo è sano, questo ci rassicura e ci disorienta al tempo stesso. Allora siamo portati a percepire l'ansia come una malattia che ha preso possesso di noi. E qui arriva un 'altra scoperta. La nostra ansia è una parte di noi. E' la voce di tutte le emozioni che a poco a poco abbiamo allontanato dalla nostra consapevolezza e che abbiamo nel tentativo di difenderci dalla possibilità di soffrire, chiuso in un cassetto. O nella profondità di noi stessi. La sua voce ora ci chiede di ascoltare noi stessi, di avere il coraggio di aprirci a ciò che sentiamo.

Psicoterapia corpo mente cultura

La psicoterapia può aiutarci a :

  • Gestire nella nostra vita quotidiana l'ansia e gli attacchi di panico.
  • Sciogliere l'ansia ritrovando la consapevolezza delle nostre emozioni che la generano.

Nel mio modo di lavorare integro le mie due specializzazioni: l'analisi Bioenergetica e la psicoterapia Transculturale.

 

L'analisi Bioenergetica è una terapia psico- corporea. In seduta quindi utilizzo oltre che la parola, anche delle esperienze corporee. E' particolarmente efficace nel trattamento di ansia e attacchi di panico proprio perché permette di agire direttamente sul corpo.

Il nostro organismo mente-corpo si difende dalle emozioni e vissuti dolorosi bloccando il respiro e attraverso le tensioni muscolari. Possiamo imparare strategie più salutari per proteggerci dal dolore, ma recuperare il contatto profondo con noi stessi e anche con la nostra forza.

 

La psicoterapia Transculturale ci aiuta a utilizzare la nostra cultura di appartenenza (regionale, famigliare ecc..), o le culture che abbiamo attraversato e incontrato nella vita,  per proteggere la nostra salute fisica ed emotiva e non per limitarci. Non di rado l'ansia arriva proprio dopo un trasferimento, con un cambiamento di ambiente che ci richiede un riadattamento anche culturale.

Training di rilassamento ed energia

La classe di rilassamento di  Bioenergetica, o Training di Rilassamento ed Energia, è un gruppo settimanale non terapeutico ma di prevenzione e benessere.

Insieme pratichiamo alcuni esercizi della Bioenergetica che coinvolgono il respiro, il movimento, la postura e che aiutano a lasciar andare i pensieri, a rilassare le tensioni muscolari e gli stress quotidiani, a ritrovare sicurezza in noi stessi.

A livello profondo gli esercizi agiscono sul sistema nervoso autonomo riequilibrando il sistema parasimpatico e simpatico, che sono connessi sia al nostro corpo che alle nostre emozioni e la cui iperattivazione può causare ansia e panico.

Paura Coraggio e Bioenergetica

Un video che ci aiuta a ritrovare la strada dall'ansia verso la nostra vita.

E' ripreso dalla diretta Facebook nel gruppo Ansia e Attacchi di Panico che mi ha invitato e arricchito dalle domande di chi ha partecipato.

 

Faccio parte del gruppo di ricerca su Ansia e Bioenergetica Gapan

Puoi seguirmi su Facebook: